Marge Simpson: vera icona di stile
marge-simpson-vogue-figurinos

Jean-Paul-Gaultier-Madonna-vogue-19nov13-aleXsandro-Palombo_b1385400088_marge_simpson_paco_rabanne_art_cartoon_illustration_satire_sketch_fashion_luxury_style_iconic_dresses_all_the_time_the_simspsons_humor_chic_by_alexsandro_palombo-610x100021172_original

Grazie alle provocazioni dell’ artista Alexandro Palombo, possiamo riflettere sui contenuti fenomenologici del costume contemporaneo, che tenta di uscire dagli stereotipi a volte ingombranti di una moda elitaria, destinata unicamente a un pubblico consumatore, schiavizzato da messaggi cancerogeni di barby super magre, la dove i canoni classici della bellezza altro non sono, che involucri senza contenuti di fenomeni mercificati.

Per molti anni, numerose generazioni sono state afflitte dalla sindrome del sovrappeso, provocando gravi disturbi alimentari, tanto da arrivare ad un indecente stato scheletrico come quello della modella e attrice francese Isabelle Caro, protagonista defunta della campagna di Oliviero Toscani, che metteva in mostra un messaggio di contestazione sociale esibito con gigantografie nei muri delle città; un corpo devastato con piedi e mani grandi di una donna fatta solo di ossa e pelle chiazzata dalla psoriasi, un vero e proprio collasso patologico della bellezza nel rifiuto della vita!

Alexandro Palombo, con la sua visione pop, pone con sarcasmo, una lente focale in cui la moda nel suo tentativo di simulazione, ci fa vedere come il desiderio di appagamento e di auto-celebrazione entra prorompente nelle case della gente comune e Marge Simpson ne è il pretesto.

Questo personaggio immaginario di una serie di cartoon, la quale, interpreta la madre di famiglia, innamorata di un uomo dai lineamenti mediocri è nei panni di una modella attempata. Grazie a quest’intervento artistico e concettuale, la donna dalla pelle gialla e dai capelli blu, diviene la nostra vera icona di stile, un boom che porta importanti griffe della moda a scegliere di farsi rappresentare non più da bellezze sedicenni o poco più, bensì da donne di una certa età, con qualche ruga, ma anche con una storia.

Un atteggiamento ragionevole che tenta di valorizzare i contenuti oltre la moda, la bellezza e fare di essi uno stile di vita e se non mancano come sostiene Le Bon, modelle che pur di lavorare sono disposte a invecchiarsi mendace mente, il fenomeno rimane comprensibile e rispettabile.

Affascinati dal lavoro di questo giovane artista, ci lasciamo ispirare da Marge Simpson e tutti insieme con leggera ironia, viviamo la moda con serenità e accettazione, amare se stessi prima di tutto.

Angelo Pantaleo

 

 

 

 

Marge Simpson: vera icona di stileultima modifica: 2016-01-23T18:12:38+00:00da iconatrentadue
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento